Archivi categoria: NEWS

Le grotte della Conca Tolmezzina

locandina3

Tutti conosciamo la Conca Tolmezzia, i suoi comuni, i suoi boschi, le sue montagne, ma cosa c’è sotto in realtà? Il Gruppo Speleologico Carnico da anni esplora la cavità della zona risolvendo quesiti e aprendone altri.

Da dove viene l’acqua delle sorgenti che alimentano le rogge di Caneva? Fin dove arriveranno gli speleo-sub? La pioggia che cade a Sella Chianzutan va a finire a Cesclans per un percorso sotterraneo? L’acqua dello Strabut dove diavolo va a finire, perché non ci sono sorgenti importanti?  E quella del Dobes? Perché le stalattiti sono così rosse dentro il monte di Verzegnis?

Venerdì 13 febbraio alle 20 e 30 nella sede del CAI di Tolmezzo, il video speleo racconto di alcune grotte della Conca Tolmezzina… perché bisogna andare dentro alle cose

Stage di Introduzione alla speleologia.

Stufo di grattarti i gomiti sul divano ascoltando i Jalisse? Stufo di levarti i funghi dai piedi “…che tanto in Carnia piove sempre” aspettando che rassereni. Stufo di esplorare i corridoi del Cittàfiera stando attento a non cappottare il carrello della domenica pomeriggio.

Joint the Speleos

.zio sam

Come diceva un famoso recruiter: “Cercasi uomini (ed anche donne): per una spedizione azzardata. Bassa paga (vi costerà poco), freddo pungente (non sempre), lunghi mesi nella più completa oscurità (facciamo ore), pericolo costante (più o meno), nessuna garanzia di ritorno. Onori e riconoscimenti in caso di successo.”
Lui doveva andare al Polo Sud, noi un po’ meno.

Che cos’è lo stage?

Lo stage è un momento di formazione in cui i vecchi speleo che poco ormai ricordano formano i giovani speleo prima di portarli dentro le grotte.

Quand’è lo stage?

A maggio,

venerdì 16, ore 20.30 – 22.30 circa. Lezioncina teorica: un po’ di carsismo, un po’ di formazione delle grotte, un po’ di chimica, un po’ di topografia… le basi delle basi, tanto per non farla troppo lunga. Ci troviamo alla sede CAI di Tolmezzo.

sabato 17, ore 9.30 – 13.00 o ad libitum. Lezioncina teorico pratica in palestra di roccia (probabilmente Betania): un po’ di nodi, un po di tecniche di risalita su corda, un po’ di tecniche di discesa su corda, un po’ capire come funzionano gli strumenti speleo.

domenica 18, tutti in grotta (orizzontale), orario da definire, probabilmente tutta la mattinata e un pezzo del pomeriggio, si va nella risorgiva di Eolo, grotta presso Avasinis… tanto per controllare come l’acqua lavora da dentro.

sabato 24, tutti in grotta (verticale) tanto per vedere se ci si ricorda la lezione in palestra, una facile grotta della Foos vicino Campone, qualche pozzetto verticale, con il supporto degli speleo anziani. Qui va via tutto il giorno, possibile pizzata di finale…

Che materiale serve?

Praticamente i vestiti che avete indosso, più dei vestiti che potete sporcare bagnare e che probabilmente dovrete cambiare. Se avete una tuta da meccanico meglio. Caschi imbraghi luci, attrezzatura specifica la mettiamo noi!!

Cosa succede dopo lo stage?… niente. Se vi è piaciuto, ci siamo conosciuti, e potete iniziare a fare speleologia con il Gruppo Speleologico Carnico…e quest’anno abbiamo un programma da leccarsi i baffi. Se non vi è piaciuta potete tornare a cappottare i carrelli al Cittàfiera.

E’ necessaria una condizione atletica più o meno buona (non serve essere superman), comunque bastante a fare una camminata di alcune ore in montagna. Se non ce la fate a cappottare un carrello del Cittàfiera (vuoto), mi dispiace, ma la speleologia non fa’ per voi.

Se volete capire cosa vi aspetta, fatevi un giro per il sito, guardate qualche video nella sezione dedicata.

Come contattarci:

I numeri da chiamare se siete interessati sono due:
Mirco 339 5489695
Federico 328 8230847
Abbiamo un email: speleo@caitolmezzo.it
Facebook fanpage: Gruppo Speleologico Carnico
Gruppo Facebook: Gruppo Speleologico Carnico
(l’omonimia crea un po’ di confusione… iscrivetevi ad entrambi)

Costi:

ci stiamo ancora pensando… poca roba comunque…
per i non tesserati CAI saranno necessari dei costi legati all’assicurazione durante le uscite in esterno (10 euro circa) e da quelli non si scappa.
Purtroppo come avete notato il Cittàfiera NON è sponsor… ma almeno così possiamo cappottargli i carrelli !!!

Serata di presentazione della Spedizione Speleologica ” Cambodia 2013 Viaggio nella terra Khmer “

A cura del Centro Ricerche Carsiche ” C. Sepphenopfer ” di Gorizia, del Gruppo Grotte Cai Novara e del Gruppo Speleologico Carnico Michele Gortani del Cai di Tolmezzo, con il patrocinio della Casa dell’Immacolata e dell’ASD Libertas Udine Nord Ovest, sabato 10 maggio 2014, presso l’Aula Magna della Casa dell’Immacolatata di Don Emilio De Roia in via Chisimaio ad Udine, alle ore 18,30, ci sarà la serata di presentazione della spedizione speleologica ” Cambodia 2013 – Viaggio nella terra Khmer “. Tutti invitati.VOLANTINO CAMBOGIA CASA IMMACOLATA

Trailer/cortometraggio di presentazione del progetto “Rio Vaat”.

Sabato 5 aprile 2014, ore 20.30, presso il Municipio di Cavazzo Carnico:

Presentazione dello stato di avanzamento dei lavori del progetto “Rio Vaat” e proiezione del video di promozione del progetto stesso.

I lavori inerenti al progetto “Rio Vaat”, che ha avuto inizio nel corso del 2010, hanno i seguenti obiettivi:

  • Fornire una caratterizzazione idrogeologica della catena del monte Faeit, che si estende da Sella Chianzutan fino a giungere alle sponde del Lago di Cavazzo, comprendendo anche parte del territorio di Alesso. Particolare attenzione è stata data al monitoraggio delle acque del Rio Vaat (che dà il nome al progetto ed al team di studio) che provvedono ad alimentare in toto le frazioni di Cesclans, Mena, Somplago e Interneppo, e per la maggior parte il Comune di Bordano.
Panoramica dell’area di studio del progetto

Panoramica dell’area di studio del progetto

  • Definire il rapporto tra le matrici idriche principali: meteorica, superficiale, sotterranea:
  • componente meteorica (grazie ai dati forniti da tre pluviometri posti rispettivamente a Sella Chianzutan, Cesclans e Alesso);
  • componente superficiale e componente sotterranea mediante: (1) esecuzione delle analisi di portata, pH, temperatura e conducibilità con cadenza mensile, di 18 sorgenti esterne che possono essere interconnesse con il bacino idrico lungo tutta la catena del Faeit; (2) esecuzione dell’analisi “in continuo” dei principali parametri chimico-fisici e di livello idrico dell’acqua presente all’interno della grotta del Rio Vaat, grazie al posizionamento di una sonda nel sifone della stessa (posizionata con l’ausilio di uno spelosub).
posizionamento dei pluviometri e delle stazioni meterologiche rispetto all’ingresso della grotta di Rio Vaat

posizionamento dei pluviometri e delle stazioni meterologiche rispetto all’ingresso della grotta di Rio Vaat

In pratica lo scopo del progetto è quello di riuscire a definire il percorso sotterraneo delle acque sotta la catena del monte Faeit.

Del team, composto da membri del gruppo speleologico Carnico “Michele Gortani” e del C.A.T. di Trieste, fanno parte speleologi, geologi, idrologi e chimici.

Al momento il progetto sta maturando fornendo importanti dati e risultati.

In attesa della serata di presentazione del progetto e del video completo, Vi presentiamo il trailer:

Riportiamo inoltre l’animazione in grafica tridimensionale che illustra la grotta di Rio Vaat (Cesclans, Udine) e il suo sifone. All’interno della stessa, come sopra spiegato, è stata installata una sonda multiparametrica:

Durante la presentazione proietteremo inoltre una serie di fotografie tridimensionali sulla grotta di Rio Vaat e sul suo sifone, per permettere a chi non conosce il sistema di capirlo meglio. In esclusiva saranno altresì proiettate le foto 3d relative al ramo inferiore della grotta, esplorato grazie agli eventi di secca del 2012 (normalmente il suddetto ramo può essere attraversato solo dagli spelosub) .

Per info: 3929838806 Daniele

La Grotta di Attila

Video girato nelle alpi carniche nella zona di Cason di Lanza dagli speleo del gruppo Speleologico Carnico Michele Gortani.